venerdì 13 ottobre 2017

da Aguirre a Chacabuco

Data : 13 ottobre 2017
Ancoraggio : Ensenada Bassa Chacabuco
Posizione : 45 27.4600 S 072 48.4800 W
Miglia oggi : 45
Ancoraggi fatti : 14
Vento forza : 6 con raffiche a 45 nodi
Direzione : NW/W

By Angelo

Come al solito pronostico forza 3…realmente forza 6 con raffiche a 45 nodi.Partiti alle 7 di mattina per fare un dritto su Chacabuco, inizialmente ,motore…anche preoccupati per la mancanza di vento, poi verso le 11 imboccato il fiordo di Aysen , il vento e il mare hanno comicniato a montare.Dapprima con fiocco a 120 % ..poi a 100% e via con vento in poppa a fare punte di 9.2 nodi, ma continuava a montare sia il mare che il vento ….sullo strumento leggevamo 46/47 nodi di vento mentre filavamo a 8.5 .Anche l'Armada ha cominciato a inviare bollettini lampo via VHF, chiamando 25/30 nodi da ovest…ma noi ne leggevamo molto di piu'. Intorno un discreto traffico di barche da lavoro e da crociera, anche un mini barchino a motore che ad un certo punto si e'buttato decisamente sotto costa cercando un piccolo anfratto per ripararsi.
Via fiocco e su di trinchetta, deriva completamente sollevata , e si continua a filare a 6.7 nodi. Navighiamo l'ultimo pezzo del fiordo scoperto sperando di arrivare presto a ridosso dell'isola Carmen….ma il vento continua il suo giro e ce lo ritroviamo da ovest…quindi niente ridosso da Carmen ma incanalato di poppa, continuiamo a filare, passiamo il porto di Chacabuco…una vergogna di porto, completamente aperto ai venti prevalenti….quindi un inferno in questo momento.Noi pensiamo di andare dalla parte opposta al porto in Ensenada Bassa…il nome una garanzia, bisognerebbe entrare a mezza marea per avere almeno 3 metri di fondo….ma non abbiamo questo lusso, siamo un oretta prima della bassa delle 15:30
Per fortuna oggi la bassa va'a 0.4 …quindi qualcosa rosicchiamo, piu'l'oretta prima dovremmo trovare il fondo a 1.8/2 mt nell'entrata.
Ammainiamo la trinchetta e accendiamo il motore, Antonella all'iPad , io al timone, dobbiamo rispettare assolutamente 5 WP di allineamento per girare intorno alla Penla Fontaine per entrare poi nella Ensenada con fondi dai 4 ai 5 metri.Tutto bene con fondo a 2.3 mt, fino al WP numero 5 , quando improvvisamente cala velocemente e parte l'allarme a 1.9 mt…ma di sicuro siamo andati piu'bassi, perche'il timone tocca e fa'partire il disco di sicurezza della pompa idraulica e la parte terminale si solleva…niente di che se non che ora il timone essendo quasi a 90 gradi e'piu'duro da manovrare. Nel frattempo ci siamo allineati con la prua per ovest e soffia da matti, non abbiamo nessuna protezione da terra essendo molto bassa .
In 5 metri di fondo caliamo 60 metri di catena, che va'in tiro in un battibaleno, le raffiche giu'a 40/45 nodi, la barca alambarda da matti, dovremmo "trovare" la vela da brandeggio in qualche gavone, non facendo da moltissimo tempo ancoraggi alla ruota cosi'scoperti …vatti a ricordare dove e'finita'.Dopo pranzo…caccia al tesoro.
Decidiamo di non chiamare l "Armada per avvertirli del nostro arrivo, nel caso ci chiedessero di passare dall'uffico per le pratiche…ma con 40 nodi chi si muove col dinghy?
Sistemiamo la barca e cominciamo a preparare il pranzo, quando per radio sentiamo chiamare sul 16 Yacht Stranizza, sia in spagnolo che in inglese, segno che ci stanno cercando preoccupati delle condizioni meteo, anche se dal porto di Aguirre avevamo comunicato l'arrivo alle 18:00, rispondiamo e li tranquilliziamo dicendo che siamo appena arrivati e siamo ancorati…per fortuna non ci chiedono di passare dall'ufficio.
Polenta e funghi dalla chef Antonella , e poi sballottati sotto raffica, per fortuna le raffiche sono costanti come direzione e la stufa non svampa.
Trovata la veletta da brandeggio nel gavone di prua, l'avevamo fatta ingrandire a Puerto Montt …poi ne avevamo perso le tracce. Montata e sembra …dico sembra abbia qualche effetto positivo a ridurre le alambardate, ora la teniamo su e vediamo gli sviluppi. Nel frattempo Chacabuco radio ha lanciato un securite'con venti da 25 a 50 nodi nell'area di Chacabuco…noi ce lo becchiamo tutto per la riva bassa …ma almeno il mare non si alza.

BV Angelo e Antonella on S/Y Stranizza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com

giovedì 12 ottobre 2017

il Marina Austral e il Grande Jaime

11 ottobre 2017
Puerto Aguirre
Posizione : 45 09.9000 S   073 31.1500 W

Jaime al pontile ad attenderci a braccia aperte, ormeggiamo in uno dei tre fingers  e poi grandi abbracci …come rivedere un amico dopo tantissimo tempo, festeggiamo con un bel bicchiere di vino e caffe’su Stranizza.
E’fierissimo del nuovo mini marina, ci fa’visitare anche la casa molto bella, e ci aggiorna sui futuri progetti del marina.
Una gran persona, ci mette a disposizione perfino  il suo bagno di casa per farci una doccia …il suo wifi …siamo anche un po’imbarazzati da tanta cortesia, cerchiamo di ricambiare con quel poco che abbiamo, un guidone autofirmato degli Amici della Vela, Antonella con una serie di cartoline da lei disegnate, 4 libri in inglese per cominciare la libreria del marina per gli scambi, e tante chiacchiere… una sosta davvero molto bella.
Approfittiamo della posizione favorevole per fare gasolio, acqua e un po’di spesa…il grosso lo faremo in terra continentale quando ci arriveremo.
Da qui’dovremo fare una diversione per poter avvicinarci al confine con l’Argentina per fare una uscita lampo per rinnovare il visto Cileno gia’al suo secondo mese…tra un mese scadrebbe.La cosa e’un pochino complicata, perche’il confine e’abbastanza lontano e da Chacabuco bisognera’prendere 3 bus per passare il confine …non siamo sicuri di farcela in un giorno …e non ci va’molto l’idea di lasciare la barca sola all’ancora la notte, vedremo come meglio organizzarci.
Domani Zarpe con l ‘Armada per la partenza, ultimi acquisti , una bella passeggiata .
Oggi una giornata meravigliosa, cielo azzurro e sole caldo…ci siamo permessi anche il lusso di berci il caffe’in pozzetto….non succedeva da millenni, e il bucato fatto la mattina e’gia’asciutto la sera, uno potrebbe pensare …beh e’fatta, la primavera e’arrivata….WRONG !!, giovedi’prossimo si prevede neve e temperature da un grado …sig !!.


Con Jaime su Stranizza




I tre pontili del Marina Austral...se ne aggiungeranno altri due



La bella nuova sede del marina, nonche' casa di Jaime

Consegna del guidone Amici della Vela



Stranizza al pontile 






martedì 10 ottobre 2017

da Morras a Puerto Aguirre

Data : 10 ottobre 2017
Ancoraggio : Puerto Aguirre
Posizione : 45 09.9000 S 073 31.1500 W
Miglia oggi : 40
Ancoraggi fatti : 13
Vento forza : 1
Direzione : NW/S
By Angelo


10 ottobre 2017
Ieri pomerigio, ancorati a Morras, bellissima baia con casetta a riva, casetta di un professore spagnolo trasferitosi li'negli anni 60, sembra che poi la figlia sia andata li'al suo posto.
mangiamo qualcosa e pur piovendo …tanto per cambiare… scendiamo col dinghy per fare due passi sulla spiaggia e chissa'..magari c'e'ancora qualcuno nella casa per fare due chiacchiere.La casa e'abbandonata da tempo, tutto dismesso, quando si incontra una casa abbandonata viene sempre da chiedersi come sia la storia dei suoi abitanti, va beh facciamo un giro, Antonella entra anche in casa e un furetto scappa veloce da sotto la casa.Torniamo in barca con un po'di malinconia per la casa abbandonata…naturalmete lapioggia non molla.Siamo in altissima pressione, la catena e'a picco sull'ancora e cosi'rimarra'tutta la notte.Andiamo a letto e dopo poco sentiamo del trambusto in coperta….vuoi mo'che il fantasma del professur ci sia venuto a trovare ?
Uccelli, che starnazzano in cerca di cibo, si fanno I loro giretti sul ponte e poi finalmente ci fanno dormire.
La novita'oggi e che non piove !!!!Vento zero , ma le nuvole si aprono un po'con qualche sprazzo di azzurro facendoci ammirare gli alti picchi intorno pieni di neve…una bellezza, non ci ricordevamo piu'com'era il colore azzurro del cielo…poi dopo cosi'tanta pioggia si apprezza ancor di piu'.Per la prima volta stiamo in pozzetto senza giacca della cerata....wooow.
Quelli di Merkava ci hanno risposto…ma faticano da matti a risalire, 6/7 giorni di ferma per prendere qualche finestrotto di un giorno per poi rifermarsi di nuovo per un altra settimana.
Oggi arriviamo ad Aguirre, all'andata avevamo conosciuto Jaime , che aveva il proggetto di montare un paio di pontili galleggianti e fare un ritrovo per velisti.
A Puerto Montt ci siamo scambiati un paio di email e ci ha inviato le foto dei nuovi pontili…pochi ma onesti.Naturalmente ci ha invitato per il rinnovo a prezzo zero …una gran persona.
A noi fa'molto comodo perche'e'proprio vicino all'Armada e al gasolinero, prima dovevamo ancorare ad un paio di miglia dal paese, prima scalare in su'per poi scendere a riva…gia'con la spesa era un delirio…con le taniche di gasolio ci eravamo andati col dinghy, l'acqua la avevamo trovata in un rubinetto al parco vicino….cosi'sara'un po'piu'comodo.

BV Angelo e Antonella on S/Y Stranizza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com

lunedì 9 ottobre 2017

da Elixir a Morras

Data : 9 ottobre 2017
Ancoraggio : Caletta Morras
Posizione : 44 46.3944 S 072 54.6558 W
Miglia oggi : 32
Ancoraggi fatti : 12
Vento forza : 1
Direzione : NW
By Angelo

Ieri fermi ad Elixir, pioggia a catinelle tutto il giorno, Antonella approfitta per fare un po' di bucato...poi in dinette sommando anche le cerate per farle asciugare e il bucato...non ci muovevamo piu'.
Io ne approfitto ...sotto l' acqua per spostare la seconda ancora nel pulpito perche' con mare tende a muoversi.
Costruisco anche una tagliola per riparare le prese d' aria del motore...poi ci godiamo al calduccio la domenica con pioggia battente sul ponte.
Oggi tappa tranquilla senza vento, via di motore a fare la circunnavigazione dell' isola Magdalena, quando si aprono le nuvole...una bellezza, le montagna nell' isola con neve perenne.Poi casacate enormi che arrivano a mare.
Entrati nel Canal Puyuapi entra una brezzina da NE, 1300 RPM e genoa di poppa piena, il tempo si e' un po' schiarito...ma sole manco l' ombra.

BV Angelo e Antonella on S/Y Stranizza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com

domenica 8 ottobre 2017

da Santo Domingo a Elixir

Data : 7 ottobre 2017
Ancoraggio : Caletta Elixir
Posizione : 44 26.6696 S 072 53.0621 W
Miglia oggi : 43
Ancoraggi fatti : 11
Vento forza : 5 e piu'
Direzione : NW
By Angelo
Ieri pomerigio passeggiata bellissima…come menzionava una vecchia pubblicita'"che bello camminare in una valle verde", intorno erbetta verde bassa, abbiamo fatto un paio di chilometri e gia'le gambe facevano fatica.Gli scenari …..fantasmagorici.Nottata supertranquilla…forse anche troppo, le batterie anche grazie alle basse temperature senza vento fanno fatica a mantenere la carica…forse anche un po'vecchiotte, 4 anni di tartassamenti in piu'sempre nell'umido e nel freddo non e'che aiuti.Ieri all'arrivo ci siamo trovati quasi un litrozzo di acqua salata sotto al motore…subito superpreoccupati del problema dei silent block…che non siamo riusciti a cambiare a Puerto Montt, per via che la Volvo Europa non spedisce in Sud America, in America non sono riusciti a trovare il corrispondente, cosi'alla fine ci siamo fidati di quelli che ci sono.La paura era che magari essendo I silent block usurati il motore vibri troppo e cosi'l asse balli troppo nella cuffietta Volvo creando un entrata di acqua.Ci sembra un po'strana la cosa perche'ieri abbiamo fatto massimo mezzora di motore grazie al vento gagliardo.Quindi questa mattina con il retro della cabina di poppa aperto andiamo a motore …anche per assenza di vento , per verificare a diversi numeri di giri se
C'e 'un ingresso di acqua.
Provato e non entra neanche una goccia…buon sintomo anche della salute dei silent block.
Quindi abbiamo un ingresso di acqua con mare formato di poppa, potrebbero essere le prese d'aria del motore poste a poppa…anche se sono abbastanza alte dal livello mare…oppure qualche altra entrata fetente da scoprire.
Il problema e'con si puo'andare con la solita traccia d'acqua e seguirla, perche'tutto loscafo all'interno e bagnatissimo per la condensa e quindi difficoltoso…ci interrogheremo ogni giorno.
Oggi arriveremo a Caletta Porvenir…niente a che vedere con il paese di Porvenir sullo stretto di magellano…speriamo che ci sia anche li'da camminare …ne abbiamo davvero un gran bisogno.Usciti dal canal Refugio ci troviamo all'ingresso del Canal Molaleda e alla fine del Corcovado …fino a qui'calma quasi piatta data dai ridossi, ma ora comincia a spingere…I soliti 30/35 nodi…non previsti…ma a noi va'grassa, si fila sempre al gran lasco e poi poppa piena…mare con onda ripida e ravvicinate…ci dimentichiamo la deriva giu'e sentiamo il timone duro a dover correggere l'onda…poi issiamo ed e'una delizia…la barca sciiiiivola come sull'oilo, il timone quasi neutro , 7.3 nodi con solo fiocco.
Niente da fare all'ancoraggio, fondi bassissimi a riva , bisogna mettere l'ancora in 18 metri…ma dato un calumo decente di 70 metri si finiva sui bassi fondali, in piu'essendoci una montagnona davanti venivano giu'dei williwos incazzati, e chi si fida a tenere la barca in cosi'poco calumo col rischio di finire a terra.Ripartiamo …con poco slancio, prossimo ancoraggio possibile Elixir a 16 miglia, ma il tempo…una schifezza, pioggia e raffiche…panino freddo e via andare in barca 12 gradi fuori 7/8,,se va'bene alle 17:30 arriviamo.Un po'preoccupati dell'ancoraggio, e'solo un dentino in un isola con cime a terra…MA DEVE ANDARE BENE !!! A questo punto abbiamo esaurito le possibilita', il prossimo ancoraggio…troppo lontano.Tutto bene a parte che nella piccola baietta c'era il solito cavo …a dir la verita'spropositamente grosso…una gomena…va beh , meglio grosso che piccolo. Manco a dirlo appena finito l'ormeggio ecco che si presenta un bel barcone da lavoro…ecco il perche'della gomena.Gli faccio due gesti di aspettare un attimo e prendendo altri due cavi di traverso ci spostiamo dal cavo principale, ringraziano tantissimo e fanno dei gran gesti come dire "ben fatto" e si ormeggiano di traverso al cavo, ci chiedono poi se vogliamo andare in andana con loro, ma rifiutiamo …stiamo bene dove siamo..Ok, per oggi basta …siamo davvero stanchi, doccetta calda e una bella zuppona , domani….riposo.

Oggi proviamo a contattare gli amici di Merkava, partiti dal Puerto Williams direzione nord piu'o meno quando siamo partiti noi con direzione sud…abbiamo intenzione di incontrarci in quella baietta nel mezzo dei canali e con abbondanti libaggioni festeggiare e salutarci …forse per sempre, loro direzione Canada noi direzione Atlantico.

BV Angelo e Antonella on S/Y Stranizza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com

venerdì 6 ottobre 2017

da Juan Yates a Santo Domingo

Data : 6 ottobre 2017
Ancoraggio : Santo Domingo
Posizione : 43 57.4600 S 073 06.4100 W
Miglia oggi : 20
Ancoraggi fatti : 10
Vento forza : 5
Direzione : NW
By Angelo
Martellati per piu'di tre giorni da raffiche violente …stimate sui 40/50 nodi…troppo veloci anche da legere sullo strumento, veloci ma impressionanti, di notte sentivamo l'ululato del vento crescere da lontano tra gli alberi e poi…un tir che impatta la barca .Pur con tre cime la barca si inclina …si sposta e tutto in coperta vibra , di giorno …al freddo…la stufa non ce la fa'a gestire sti mostri e dopo un po'all'interno non si respira dalla puzza del gasolio combusto.Un giono intero con doppia calzamaglia tre pile, calzettoni di lana e beretta da sci…fuori acqua a catinelle.In un solo giono abbiamo recuperato 80 lt di acqua dal dinghy…che abbiamo messo poi nei serbatoi.Pur con questi sconquassi, sono riuscito a mettere un telo sul pozzetto per ripararmi dalla pioggia e sotto smontare il fuoribordo , smontare I micro carburatore , pulirlo e rimontare tutto e rifarlo finalmente funzionare.Poi all'interno io a inserire i 107 coni nella cima per completare la costruzione della serie drougue Jordan…rimasti ancora 30, Antonella , a cucinare dei buonissimi manicaretti e a disegnare e pitturare.Domani il meteo in miglioramento…finalmente…dopo non so'quanto fronti …ci si aspetta un po'di solino …sperema, forse complice anche il mal tempo, ma abbiamo anche avuto problemi di trasmizione e ricezione con la radio, l'altra sera siamo riusciti ad agganciare per I capelli una stazione a Panama…almeno per inviare la posizione all'Armada, e scaricare il meteo.

6 ottobre
Sveglia alle 7, e dopo colazione si comincia con le cime….150 mt a prua e due da 50 a poppa, sembra cosi'ma avvolgerle nelle proprie sacche ci vuole un sacco di tempo, meglio con quelle di poppe con I canestri di plastica.Come solito a ridosso non si ha la percezione ne'del vento ne'del mare, la previsione ci da venti da NW forza 2/3 …normalmente aggiungiamo un punto alla forza del vento per sicurezza, ma appena usciti dal ridosso , ne dobbiamo aggiungere due abbondanti.Filiamo sotto genoa con punte di 8.5 nodi, un forza 5 abbondante…ma e'una meraviglia, via di gran lasco e poppa piena.In tre ore facciamo 20 miglia alla media di 6.6 nodi , la pressione e'alle stelle 1022 mB, ma continuano ad entrare dei piccoli groppi con pioggia.Finalmente domiamo il Corcovado e rientriamo nei canali,ci ancoriamo alla ruota a Santo Domingo …un po'distanti da riva….ma vediamo la possibilita'di farci una passeggiata …sotto la pioggia ma chi se ne frega, e'praticamente 5 giorni che non camminiamo

BV Angelo e Antonella on S/Y Stranizza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com

martedì 3 ottobre 2017

Aspettando il carciofone

2 ottobre 2017
Ancorati a Juan Yates
Siamo ancora all'ancora a Juan Yates, il tempo e'in peggioramento e questo e'l'ancoraggio piu'sicuro in quest'area.
Ieri non c'e'stato male, per un paio d'ore abbiamo anche avuto il solino…ma era piu'di 12 ore che pioveva a dirotto con raffiche a 25/30 nodi. Ci siamo resi conto anche che l ' ancoraggio non era dei migliori, quindi abbiamo aspettato un oretta prima del tramonto, quando tutto il mondo si tranquillizza fino al buio, per mollare cime cimette e cimuzze per spostarci di 3/400 metri verso ovest, dove abbiamo trovato un riparo piu'adeguato…speremo.
Ora siamo con due cime di poppa agli alberi, 50 metri di catena in 9 metri di fondo, e una cima da 150 metri sulla prua che va'ad agganciarsi ad un isolotto, dovremmo essere ok, ma il condizionale e sempre valido.
Domani aspettiamo un carciofone da forza 8 e +, con pressinoene minima a 981 mB , sembra che poi se la prenda comoda e continua per mercoledi fino a giovedi', si comincia a vedere qualcosa il venerdi'.Comunque vediamo gli sviluppi, martedi'di sicuro non ci muoviamo…vediamo come gira mercoledi'.
Il morale e'alto, abbiamo trovato anche il tempo per una doccetta calda.
Per cercare di fare andare la stufa anche sotto raffica abbiamo costruito la cosidetta "Linea Maginot", due mezzi marinai collegati alle sartie basse con un telo avvolto, in maniera da creare una barriera alle raffiche se no'ci "svampa" la stufa con conseguente fumo e puzza di gasolio.Pur il sistema essere molto lontano dalla perfezione, sembra che in qualche maniera minimizza il problema….ma non poi tanto, le raffiche catabatiche anche influenzate dalla geografia girano a 360 gradi, anche per pochi millisecondi…ma sufficente per spingere il fumo giu'dalla ciminiera e svampare la stufa, niente di nuovo, quando abitavo in campagna col camino c'era sempre lo stesso effetto.
Ieri siamo riusciti anche a fare due passi a terra, il problema che avevo montato il fuoribordo sul dinghy perche'la distanza era abbastanza, ma il motore non ne ha voluto sapere di partire.Mesi fa'ci era caduto in acqua in un atterraggio, aveva toccato in basso e si era sfilato dal supporto, non aveva fatto tempo neppure a sommegrsi interamente e poi e'stato lavato prontamente con acqua dolce, asciugato e rimesso in moto sembrava tutto ok.Dovrei smontare la candela e vedere se per caso si e'ingolfato….ma col fatto che non usiamo il motore da mesi e mesi..non ci ricordiamo piu'dove abbiamo messo il kit di riparazione con annesso la chiave da candela …sig !!Sembra impossibile ma anche in una piccola barca e'possibile perdere le cose, anche se ci sforziamo con liste e contro liste…ma alle volte si spostano le cose e ci si dimentica di fare l'update.
Nel frattempo e'da ieri notte che piove a catinelle…direi ormai 15 ore no stop, ce ne stiamo al calduccio, io con I miei libri , Antonella con le sue matite e I suoi colori , abbiamo due hard drive pieni di film…ma non ci piace guardare i film in barca …preferiamo la nostra fantasia e il rumore del vento e del mare, poi basta tirare fuori la testa dal tambuccio per vedere, leoni marini, delfini, cormorani, pinguini, ostrero, euna quantita'varia di uccelli…insomma molto meglio di un film.

BV Angelo e Antonella on S/Y Stranizza via radio SSB

----------
radio email processed by SailMail
for information see: http://www.sailmail.com